Agar Agar * E406 è un polisaccaride di origine vegetale inodore, insapore e incolore e poco digeribile. Si tratta di un addensante estratto da una specie di alghe rosse, che vivono nei mari orientali del Giappone, la Cina e l’India. Il suo potere di addensante, conservante e stabilizzante per gli alimenti.

  • è impiegato per addensare le gelatine su una base liquida. In commercio, si trova in polvere a fiocchi e a barre.

L’agar agar è usato come gelificante per i prodotti. Gli alimenti che contengono questo addensante sono:

  • i budini – le caramelle – le marmellate – le carni in scatola;

  • le conserve ittiche – le creme – i dolci – le paste di frutta.

L’agar agar è un addensante di origine vegetale

L’addensante non è in grado di sciogliersi a contatto con le sostanze che sono prive di grassi. A tal punto, è necessario aggiungere un dosaggio solo a quei prodotti che ne sono più ricchi. Per fare in modo che si sciolga è opportuno versare una quantità di acqua o di altri liquidi.

Agar Agar E406
  • in fitoterapia, è usato come calmante, antinfiammatorio e protettivo della mucosa gastrica e intestinale, per lo strato sottile che crea sulle pareti.

  • ha inoltre la capacità di trattenere grandi quantità di acqua. Per le sue caratteristiche è in grado di prolungare una sensazione di pienezza che interessa lo stomaco. L’addensante è usato anche in alimenti dietetici.

In ambiente acido, solo se il valore di pH è superiore a 4. Allora, l’agar può avere un potere gelificante che sarà di ben 8 volte superiore a quello della gelatina in fogli.

  • è solubile in acqua calda. Non è la stessa cosa se è immerso in acqua fredda. A tal proposito, è necessario attendere un periodo di tempo di circa 20 ore di ammollo in acqua fredda.

L’agar agar è solido alla temperatura di 40°C. Per questo motivo, non è necessario conservarlo in frigorifero.

  • in polvere è usato con dosi da 2 g a 4 g per litro di liquido.

  • a barre, aggiungere in acqua fredda per ammollare. Una volta che è stato strizzato, bisogna aggiungere l’addensante al liquido caldo. Per ogni barra, si impiegano 8 g su 1,6 per litro di un liquido.

  • in fiocchi, adottare il metodo analogo a quello delle barre.

Benefici e controindicazioni dell’agar agar

L’assunzione è vietata insieme a farmaci, in caso di sovradosaggio, il valore delle dosi non deve superare i 5 g al giorno.

La somministrazione può provocare alcuni disturbi lassativi, con un aumento della massa fecale per i bambini, la flatulenza e il gonfiore, è causato dalla fermentazione di alimenti ad opera della microflora intestinale.

Nel settore farmaceutico, è usato come lassativo stimola le funzioni muscolari, in caso di stipsi cronica, per una sensazione di incompleta evacuazione.

Un uso eccessivo può favorire un aumento del volume delle feci, anche problemi di assorbimento di vitamine e minerali a livello intestinale. Si possono avere anche problemi intestinali come la diarrea o costipazione. Quando le feci sono accumulate nell’intestino, possono essere per una quantità di fibre presenti nell’alimentazione.

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.