Acido Sorbico * E200 è un conservante naturale che sviluppa nei frutti della pianta Sorbus aucuparia. Per questo motivo, è noto anche con il nome di “sorbo degli uccellatori” e in altre Rosacee.

A temperatura ambiente è come un solido di colore bianco simile a un cristallo incolore, inodore, solido e solubile in acqua e con un gusto acido. Si tratta di un composto irritante.

  • l’acido sorbico è un acido grasso polinsaturo, che è in grado di reagire con altri additivi e con i nitrati di perturbando i sistemi enzimatici del corpo umano.

L’acido sorbico è un conservante biologico

Nell’industria alimentare è prodotto chimicamente, è usato in qualità di conservante in quanto è un antimuffa e un antibatterico. La sua tossicità è molto bassa, in quanto è un additivo sicuro.

L’acido sorbico è usato come inibitore di lieviti e di muffe, per la preparazione di crema pasticcera e antifermentativo per la margarina e per i formaggi non stagionati.

È presente nelle bibite, nel pane a fette, nel pane di segale, nei ripieni di pasta fresca (i ravioli, i tortelli e le altre paste), gli gnocchi di patate e altri prodotti di pasticceria.

Acido Sorbico E200
  • i suoi benefici favoriscono il processo di fermentazione lattica, che è l’insieme dell’attività svolte dai batteri in assenza di ossigeno, che comunemente definiamo fermenti lattici. Contribuiscono al benessere del nostro organismo.

  • dato che è insolubile in acqua, è miscelato insieme ad altri sali, con l’aggiunta di una quantità di sorbato di sodio, sorbato di potassio e sorbato di calcio.

L’acido sorbico è diffuso negli alimenti e non è possibile escluderlo a fine giornata. Se assunto in quantità elevate e oltre i limiti consentiti per dosi giornaliere, è rischioso per la nostra salute. I valori nutrizionali sono indicati sull’etichetta alimentare.

Si consiglia di controllare l’etichetta del prodotto. Per avere la consapevolezza di limitare l’assunzione in modo tale da ridurre i rischi per la nostra salute.

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.