La castagna è un frutto noto anche con il nome di castagno Castanea sativa. L’albero che appartiene alla famiglia delle Fagaceae, vive bene ad altitudini che sono tra 600 metri e 900 metri e può arrivare anche fino ai 1300 metri.

La castagna, è un frutto rivestito da un involucro spinoso, che cresce spontaneamente su un albero originario dell’Asia. Si è ben adattato nei territori dell’Europa meridionale.

Nel recente passato, la pianta di castagno era coltivata per la produzione di legname e per il suo frutto.

Il suo grosso fusto è in grado di raggiungere i 10 metri e i 30 metri di altezza. La sua corteccia è liscia e lucida, ma di colore grigio brunastro.

La corteccia dei rami è di colore bianco, e con il passare degli anni cambia la sua struttura esteriore, sono in grado di assumere una serie di screpolature che sono ben visibili.

Le foglie sono alterne e non ben distribuite sul fusto della pianta dell’albero. Una volta che lo sviluppo è completo saranno lisce, lucide e dalla consistenza coriacea.

I fiori germogliano in piccoli glomeruli che a loro volta sono formanti da amenti eretti lunghi tra i 5 cm e 15 cm.

  • il castagno è un frutto che si contraddistingue in due categorie: le domestiche dalla polpa gustosa e dalle dimensioni inferiori e i marroni sono i più pregiati.

Castagna

La farina di castagne è usata in cambio della polenta, si aggiunge circa di 1/3 alle farine di cereali ricche di fibre, per ottenere un pane gustoso.

Oggi è commercializzata quasi ovunque, però bisogna rifornirsi dai produttori che hanno le farine biologiche. In quanto, non usano i pesticidi e adottano il tradizionale sistema di lavorazione a pietra.

La castagna è calorica e allevia la stanchezza

Per il suo elevato contenuto di acqua che è circa il 50% e per mantenere le sue qualità. Si consiglia di non conservarle per un periodo molto prolungato.

La castagna è un frutto “povero”, ma per il suo buon valore energetico è determinato dall’alto contenuto di grassi. Gli amidi sono circa il 45% del prodotto secco.

  • questo frutto è l’ingrediente principale di molte preparazioni come i budini, le creme, le salse, le marmellate, la lessata e la passata, il castagnaccio, la torta mont blanc, i mignon e i biscotti.

Marron Glacé

Il marron glacé, è un prodotto della pasticcera, la sua preparazione prevede l’aggiunta di una glassa a base di sciroppo di zucchero.

La castagna ha una discreta percentuale di sali minerali, come il sodio, calcio, fosforo, magnesio, ferro, rame, manganese, potassio e zinco.

Di recente è stato dimostrato che è ricco di fibre naturali e di vitamine come la vitamina A, C, D, E, B1, B2, B3, B5, B6, B9 (acido folico), B12, e comprende anche gli aminoacidi come l’acido aspartico, l’acido glutammico, l’arginina, la leucina, la prolina, la serina e la treonina.

  • se il sodio è assimilato dall’organismo in piccole quantità. Ma a determinati livelli di assunzione o oltre certi valori consentiti. Si hanno dei sintomi gravi come la ritenzione idrica e l’ipertensione.

  • il frutto non contiene glutine, per questo motivo è adatto al consumo per chi ha problemi di celiachia.

Il parere di alcuni medici e nutrizionisti, consigliano di mangiare castagne per trarne notevoli benefici per il nostro organismo. Ad esempio, la prevenzione contro gli esaurimenti fisici e nervo­si causati dallo stress e le debolezze psicofisico.

Chi le cuoce in casa, per farle saltare in padella e chi invece le preferisce lessate. Le castagne, sono una tradizione della nostra penisola, ma hanno un elevato contenuto di carboidrati. Per questa facile disponibilità erano chiamate il pane dei poveri. In autunno, è un frutto che non può assolutamente mancare sulle nostre tavole.

Fa bene anche a chi pratica attività sportive. Preparare una tisana può alleviare la tosse e la pertosse a base di foglie di castagno. Se applicato come scrub sulla pelle, aiuta a liberare la pelle da punti neri, i brufoli e i pori occlusi.

La maschera può svolgere una azione idratante per il viso. Mentre con un decotto di castagne possiamo dare più tonicità alla pelle e alleviare le emorroidi.