Caffè è una pianta unita da alcune specie di piccoli alberi tropicali che appartengono al genere di Coffea. La pianta può crescere fino a raggiungere l’altezza di 10 metri, originario della penisola arabica e i Etiopia.

La sua coltivazione si estende in molte zone tropicali. Nonostante sono poche le piante destinate alla produzione del caffè.

La bevanda è prodotta tramite la macinazione dei semi tostati di alcune specie di piante più pregiate.

Le principali aree di produzione, sono situate in Arabia, in America Centrale e Meridionale, anche in Africa nelle aree del Kenya, la Costa d’Avorio e l’Uganda e nelle zone del Brasile.

Il caffè è un prodotto amabile per il suo aroma di pregio

Oggi si identificano ben oltre 100 specie. In commercio, si trovano una varietà di miscele pregiate. Per la maggiore quantità di vendite, sono tra le miscele più diffuse il Coffea arabica e il Coffea robusta. Rappresentano i più richiesti del mercato anche per la migliore qualità di prodotto.

Coffea Arabica Caffè
  • la torrefazione è una fase di lavorazione del caffè. Il prodotto acquista il colore e l’aroma caratteristico ricavato dalla miscelazione di una varietà di semi.

I chicchi di caffè sono ricavati da alcuni semi di un frutto (o drupa). Si estrae il chicco, dopo aver raggiunto una maturazione di 6 – 7 mesi. La sua colorazione è di colore rosso.

Una volta terminato il periodo di maturazione è necessario procedere con la lavorazione nelle diverse fasi. Per ottenere l’amata bevanda tanto apprezzata dai consumatori in tutto il mondo.

Recenti studi di ricerca hanno dimostrato come i dati raccolti sulle abitudini di consumo della popolazione mondiale. Oggi, sappiamo che la bevanda è la più bevuta al mondo, seconda solo all’acqua.

L’Italia è il secondo importatore al mondo di chicchi circa 1,4 miliardi di euro a valore e il secondo consumatore di caffè 5,65 kg pro capite, dietro solo alla Germania.

Ben oltre 800, sono le torrefazioni lungo la nostra penisola e con oltre 7 mila addetti che tostano e macinano il caffè verde.

Torrefazione Caffè

Le importazioni di caffè sul mercato più della metà viene importato dal Brasile e Vietnam. Generano un fatturato di 3,3 miliardi di euro, di cui oltre un terzo 1,2 miliardi è il dato delle esportazioni all’estero.

In pasticceria, il caffè è usato come liquido per inzuppare la preparazione di vari impasti, anche in pasta o liofilizzato.

  • è impiegato per aromatizzare le creme, i gelati, i dolci, le bavaresi, le glasse, i biscotti, i pasticcini, le granite, le bevande analcoliche e alcolici come i liquori al caffè.

Il caffè è una bevanda energetica

Bere caffè riduce il senso di affaticamento, migliora la concentrazione e può favorire un notevole apporto di energia per il nostro organismo.

  • un dato scientifico ha dichiarato che la quantità di caffè è in misura di circa 6-8 grammi, che corrisponde alla quantità di una tazza.

La caffeina è in buona sostanza paragonata alle droghe e può creare dipendenza. Chi beve troppo caffè ben oltre i 25 grammi al giorno, manifesta i primi sintomi di insonnia, irritabilità e un aumento della frequenza cardiaca.

  • è stato scoperto che bere tra le tre e le quattro tazze al giorno, si ha un minore rischio di mortalità.

Si avrebbe un effetto protettivo che aiuta a contrastare le malattie cardiovascolari come il tumore, le patologie dell’apparato respiratorio, anche la possibilità di ridurre i rischi di diabete e i disturbi renali.

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.