L’arachide è una pianta che appartiene alla famiglia delle Fabaceae, originaria del Sud America. Si è ampiamente diffusa nelle zone del Brasile, Paraguay e Bolivia.

La sua coltivazione si è ben avviata anche in Italia, e in altre regioni della penisola come la Campania e il Veneto.

I frutti noti come arachidi, riconosciuti anche come le noccioline americane. La pianta erbacea cresce con un fusto eretto e può raggiunge l’altezza tra i 30 cm e gli 80 cm. È in grado di sviluppare una serie di fiori dal diametro di 2 – 4 cm di un colore giallo e con le venature rossastre.

L’arachide constrasta i rischi cardiovascolari

I semi di arachidi sono molto proteici e composti per circa il 28% di proteine. Le diverse sostanze sono una preziosa fonte naturale e indispensabili per la nostra salute.

  • il “coenzima Q10“, è una molecola organica importante, anche se è presente in alcuni alimenti. Ha una caratteristica che è simile ad una vitamina. 

Arachidi
  • La sua funzione è rifornire le cellule di energia tale da esercitare un’azione antiossidante.

Gli arachidi sono una fonte eccellente di vitamine del gruppo B. Dimostrano anche di avere una discreta quantità di vitamina E, B3 e PP, l’acido folico, l’arginina, lo zinco, il magnesio, il potassio, il fosforo, il manganese e il rame.

  • l’arginina è un aminoacido essenziale, particolarmente prezioso per i bambini in fase di crescita. Dobbiamo anche sottolineare la vitamina PP, che è fondamentale per la salute del sistema nervoso e per la circolazione sanguigna.

  • l’acido folico è una vitamina che in forma sintetica è assorbita meglio dal nostro organismo a differenza di quella naturale.

    Se pensiamo che gli arachidi ne sono ricchi. La vitamina è fondamentale perché è in grado di stimolare la fertilità durante il periodo di gravidanza.

Gli alimenti che nella maggior parte dei casi, è fare uso di integratori e il desiderio di assumere una quantità elevata di acido folico.

La vitamina del gruppo B, è disponibile in alcuni prodotti alimentari a base di verdura a foglie, come gli spinaci, la senape, il cavolo, i broccoli e le cime di rapa, nei legumi come i fagioli, i piselli e gli arachidi, gli asparagi, l’avocado e nella frutta come le fragole e il succo d’arancia.

Burro di Arachidi

Dalla spremitura di arachidi si ricava l’olio di arachidi leggero. In cucina, è usato per la preparazione di fritture, ma è anche un ottimo sostituto del burro per la preparazione di dolci.

Per la sua composizione, ha un punto di fumo che è simile a quello dell’olio di oliva. Si tratta di un prodotto alimentare che è ricco di calorie per l’alto contenuto di grassi.

Negli Stati Uniti è comune mangiare il burro di arachidi che è alla base della dieta alimentare degli Americani. Nell’industria alimentare dalla lavorazione degli arachidi macinati, si ricava una pasta contiene l’olio di palma, il sale e lo zucchero. A questo punto, una quantità eccessiva di queste sostanze rappresentano degli indicatori di rischio per la salute.