Anice (Pimpinella Anisium) sempre verde è nota anche con il nome di anice verde. La pianta appartiene alla famiglia delle Apiaceae o Ombelliferae. Il suo sapore è delicato, ricorda un pò quello della liquirizia.

In Italia l’anice cresce in zone a clima caldo e asciutto. Ma per le sue qualità si coltiva anche in altri paesi del Mediterraneo.

Il fusto è in grado di raggiungere un’altezza di 40 – 50 centimetri. I fiori sono biancastri piccoli e disposti ad ombrella, fioriscono all’inizio dell’estate. I semi sono dei diacheni piccoli e striati.

Anice Comune

Il suo frutto è piccolo a forma ovale e verde giallognolo, ma tende a scurirsi durante la maturazione.

L’anice è impiegato per la realizzazione di dolci e per la produzione di bevande alcoliche. Si usa anche in qualità di un’essenza o per i semi essiccati.

Gli estratti della spezia, si utilizzano anche per aromatizzare quei prodotti come i collutori, i dentifrici e i deodoranti.

Le proprietà terapeutiche dell’anice

L’anetolo è un principio attivo che è presente nella pianta dell’anice. Spesso è usato per la produzione di liquori. Si estrae per produrre i medicinali e altri aromi, impiegato anche in farmacia e in pasticceria.

Il suo aroma è commercializzato in erboristeria come un ottimo antiossidante. Non solo, è usato soprattutto per la preparazione di tisane digestive. La bevanda è un tocca sana che apporta notevoli benefici per il nostro organismo.

L’olio essenziale ha proprietà antisettiche, è usato per proteggere le ferite da infezioni con tempi di guarigione più rapidi. Può eliminare i vermi all’interno dell’intestino, nei bambini che sono coinvolti dai parassiti.

Ha proprietà antinfiammatorie molto efficaci per la cura dell’asma e del sistema respiratorio.

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.